INCONTRI AL BUIO
Ostia, attirato da donna incontrata online: rapinato e ucciso dal marito
All’inizio la morte di Milon Sayal era stata catalogata come decesso naturale. Arrestati marito e moglie romani

Lavorava in un centro sportivo al Tiburtino e viveva con alcuni connazionali in un appartamento a San Giovanni. Lo scorso 8 ottobre è stato trovato in fin di vita da alcuni passanti a Ostia, in via Enea Picchio, è stato subito portato al vicino ospedale Grassi e poi al San Camillo, dove è morto il giorno dopo per un profondo ematoma alla testa.

All’inizio, la morte di Milon Sayal, bengalese di vent’anni, era stata catalogata come decesso naturale, ma i suoi coinquilini, gli amici e la comunità bengalese di Roma non ci hanno creduto.

Hanno chiesto reiteratamente di fare chiarezza sulla vicenda. Da quì i successivi accertamenti della polizia, che hanno consentito di appurare che il ragazzo è stato in realtà ucciso dopo essere stato picchiato selvaggiamente.

Venerdì scorso gli agenti del commissariato di Ostia hanno arrestato una coppia di ragazzi romani, anche loro ventenni, marito e moglie. Sono adesso accusati di concorso in omicidio.

Gli investigatori hanno ricostruito che all’epoca dei fatti il bengalese si è recato proprio a Ostia per un incontro amoroso con la giovane che aveva conosciuto su un sito online.

All'appuntamento si è portato con sè un iPhone appena comprato e mille euro in contanti (soldi raccolti fra i connazionali coinquilini con cui doveva pagare l’affitto dell’appartamento a San Giovanni). Secondo la ricostruzione della polizia invece Sayal è caduto in una atroce trappola: all’appuntamento con la donna c’era anche il marito che lo avrebbe picchiato, colpendolo ripetutamente in testa, e rapinato del telefonino e del denaro.

Proprio il cellulare, come spesso accade, ha consentito di risalire ai responsabili: è stato rintracciato nella disponibilità di un giovane che a sua volta lo aveva comprato da un conoscente della moglie del picchiatore

 

LEGGI ANCHE:

Controllo Romanina e Vermicino: Arrestati 2 appartenenti Casamonica

Arrestati a Roma due fratelli usurai:cassaforte era la tomba di famiglia


ARTICOLI CORRELATI
Esposito su Facebook: "Il reggente del clan Spada di Ostia è un fan di Alessandro Di Battista"
Da quattro giorni i familiari ne avevano denunciato la scomparsa: a ritrovarla è stato un residente della zona
A segnalare la presenza del pescecane, tra lo stabilimento Bussola e la Bicocca, un bagnino che ha lanciato l'allarme
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]