MAXI-MANIFESTO
“Sei qui perché tua mamma non ha abortito”, manifesto via Gregorio VII
L’opera fa parte della campagna contro l’aborto e per la protezione del diritto alla vita voluta da ProVita

È comparso in via Gregorio VII 58, sarà affisso fino al 15 aprile e coi suoi 7 metri per 11 è il più grande manifesto contro l’interruzione volontaria della gravidanza in Italia.

L’opera fa parte della campagna contro l’aborto e per la protezione del diritto alla vita voluta da ProVita, associazione onlus che “opera in difesa dei bambini, della vita dal concepimento alla morte naturale, che sostiene la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e che difende il diritto dei genitori a educare i propri figli” (dal sito https://www.notizieprovita.it/).

La onlus, che sta intensificando a sua campagna di sensibilizzazione con l’avvicinarsi del prossimo 22 maggio (ricorrenza della legalizzazione dell’aborto, avvenuto 40 anni fa), spiega in una nota che la legge 194 del 1978 delle “Si è preoccupata ben poco di tutelare la maternità, consentendo invece di sopprimere bambini non ancora nati. Dal 1978, sono stati più di 6 milioni quelli uccisi dall’aborto, senza contare le vite che si sopprimono in solitudine, tra le pareti domestiche, con le pillole abortive fra le quali la Ru 486, il ‘pesticida umano’, che ha già causato quasi 30 morti anche tra le donne che l'hanno assunta”.

Secondo Toni Brandi, presidente di Provita, il ministero della Salute dovrebbe garantire “Che le donne vengano messe a conoscenza delle conseguenze, provocate dall’aborto volontario sulla loro salute fisica e psichica”.

Mentre il maxi-manifesto di Roma è stato affisso per “riportare l’attenzione sulla violenza e sul dramma di una condanna a morte prima di nascere”. La gigantografia del feto di 11 settimane in bella mostra a via Gregorio VII è solo l’inizio, assicura ProVita nella sua nota: l’associazione, infatti, “proseguirà la sua battaglia con altre forti iniziative per scuotere la coscienza di tutti”.

Roma, Referendum sul trasporto pubblico: "Che tipo di pendolare sei?"

Battezzato da Papa Francesco il nigeriano che sventò rapina a Centocelle

Roma, Allarme bomba Fermata metro C Torre Angela


ARTICOLI CORRELATI
Non solo critiche ma anche tantissimi messaggi di appoggio e solidarietà all'iniziativa di ProVita sono stati fatti, sui media e sui social
Dopo il “Sei qui perché tua mamma non ha abortito” apparso ad Aprile in Via Gregorio VII, un’altra affissione contro l'aborto è apparsa a Roma
Manifesti e striscioni al Liceo Socrate
I PIU' LETTI IN DONNE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Valeria Belvedere, romana, iscritta alla facoltà di Scienze Biologiche di Tor Vergata è la nuova Miss Università
2
Al centro Virgin neanche la pioggia ha fermato l'elezione di Miss III Municipio FOTO
3
Tra i giurati un ex campione del mondo di pugilato, Nino La Rocca, anche lui proveniente dall'Africa "Mali"
4
Il Nu Shu: un angolo di paradiso colorato per le ‘sorelle relegate’, fu un canto di liberazione e di intima libertà
5
Solo un grandioso regista italiano saprà donarle un ruolo di ammaliatrice, valorizzando la sua effettiva bellezza ‘maledetta’: Federico Fellini con ‘8 e ½’
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]