FATTI E MISFATTI DELLA TV
Televisione: "E' giusto dare voce agli assassini?"
La tv croce e delizia dei telespettatori continua a percorrere una strada che disconosce il buon gusto e la sensibilità

La tv croce e delizia dei telespettatori continua a percorrere una strada che disconosce il buon gusto e la sensibilità di chi osserva determinate tipologie di programmi, che seppur di ottimo livello non dovrebbero concedere spazio ma soprattutto voce ai protagonisti di omicidi efferati e atti di brutalità inenarrabili. Proprio nel quarantennale del rapimento e del conseguente omicidio dell' onorevole Aldo Moro abbiamo avuto modo di assistere e subire programmi che hanno messo in bella mostra le belve umane autrici di omicidi tanto brutali quanto incomprensibili, raccontati  nei minimi particolari senza emozione e pentimento alcuno da parte dei componenti il commando armato che il 16 marzo 1978 uccise 5 onesti servitori dello Stato per poi compiere di nuovo lo stesso scempio 55 giorni dopo nei confronti del presidente Aldo Moro.

Ci chiediamo se sia giusto dare voce a personaggi del genere e se la cosa non risulti offensiva oltreché lesiva soprattutto nei confronti dei familiari delle persone decedute. Situazione analoga accade per quello che quotidianamente il telespettatore è costretto a vedere e ad ascoltare, nella fattispecie nei programmi che si occupano di grandi processi o di storie con omicidi e violenze, sviscerate nei minimi particolari, fino a descrivere minuziosamente persino alcune modalità del sezionamento di corpi privi vita. Corpi di vittime innocenti e senza colpa alcuna. Si potrebbe fare a meno di spettacoli del genere? Oppure dovremo abituarci a considerare la brutalità e efferatezza una prassi quotidiana e uno degli ingredienti basilari per la riuscita di alcuni programmi televisivi?

Televisione: La spettacolarizzazione in tv sempre e comunque

Tv: l'Isola dei famosi è diventata l'isola degli omertosi


ARTICOLI CORRELATI
Ogni settimana una destinazione. Si inizia con la Basilicata, le telecamere di Alice saranno nel Parco Nazionale del Pollino
Il dibattito con Adriana Faranda, leader della colonna romana delle Brigate Rosse
Dibattito che anticipa la prima di "Angelo e Beatrice", spettacolo teatrale sugli anni di piombo
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Elena Bonelli presenterà i finalisti della seconda edizione del talent “Dallo stornello al rap”
3
Il Festival di Arte Piromusicale si terrà nella location del Parco divertimenti Rainbow MagicLand
4
Negata l'autorizzazione per lo spettacolo a Gabriele Carbotti
5
A Piazza del Popolo, questa sera alle 18 il concerto in onore di Franco Califano
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]