ESTORSIONE
Roma, carabinieri arrestano padre e figlio per estorsione a commerciante
Estorcevano denaro a un connazionale commerciante di un negozio in via Principe Amedeo

Estorcevano denaro a un connazionale, commerciante di un negozio in via Principe Amedeo, pretendendo i soldi, mai erogati, di rate finanziare di un falso contratto di prestito, che avevano costretto a sottoscrivere alla vittima, con violenze e minacce. In manette, arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma Piazza Dante, sono finiti due cittadini cinesi, padre e figlio di 62 e 36 anni, ex collaboratori commerciali della vittima, accusati di estorsione, resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale in concorso.

L'indagine dei Carabinieri e' iniziata quando un commerciante, 35enne cinese, lo scorso anno, ha denunciato le pesante minacce subite dai due aguzzini, che lo hanno portato a firmare, sotto forzatura, un contratto di prestito fittizio per la somma di 500.000 yen - circa 80.000 euro. Ovviamente, il commerciante non ha mai ricevuto il denaro finanziato, anzi, padre e figlio, residenti in Cina, durante i viaggi in Italia, lo contattavano pretendendo parte dei soldi, assicurandosi il pagamento continuando con le minacce ed episodi di violenza.

Lo scorso 9 febbraio, i Carabinieri sono stati avvisati dalla vittima che i suoi estorsori lo avevano contattato perche' stavano arrivando nuovamente nella Capitale e pretendevano il pagamento di una quota, pari a 5.000 euro. E cosi', ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione Roma Piazza Dante hanno predisposto un mirato servizio in abiti civili all'esterno dell'esercizio commerciale della vittima, luogo pattuito per l'incontro tra i tre connazionali, dove sarebbe dovuto avvenire lo scambio. Avvenuta la consegna del denaro, i Carabinieri sono subito intervenuti, ma sono stati aggrediti dai malviventi con calci e pugni nel tentativo di fuggire. Bloccati e ammanettati, nelle loro tasche e' stata rinvenuta la somma di 5.000 euro, appena ricevuta dal commerciante. Padre e figlio sono stati portati in carcere a Regina Coeli.

Fonte: Com/Mel/ Dire


ARTICOLI CORRELATI
Gli arrestati hanno svolto attività in maniera organizzata e continuata di concessione di finanziamenti
I controlli hanno portato alla chiusura di strutture ricettive situate in via Giolitti e via Principe Amedeo
La donna ha seguito la 15enne nell’androne di un palazzo in via Principe Eugenio fino alla cabina dell’ascensore e, sotto la minaccia di un pezzo di vetro, si è fatta consegnare lo smartphone
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Gli arrestati, fra cui 7 donne, sono ritenuti responsabili di estorsione, usura, intestazione fittizia di beni, spaccio di stupefacenti
2
Danneggiati i cavi della linea ferroviaria: treni in ritardo e corse cancellate
3
Resosi conto di aver rubato l'auto alla madre del calciatore giallorosso, forse ladri amanti della Roma, hanno fatto marcia indietro
4
Un famoso commerciante dell'arredamento di Roma, rimasto vittima dei Casamonica, racconta i metodi estortivi del Clan
5
L'uomo nascondeva dietro le lapidi 1.092 grammi di cocaina e una pistola risultata rubata
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]