OSPITARE IN CASA UN RIFUGIATO
Roma, nuova ricetta della Raggi, 1000€ al mese per ospitare un immigrato
A Roma promettono 1000 euro al mese per chi ospita un richiedente asilo mentre i nostri anziani fanno la spesa al cassonetto

La nuova ricetta della giunta Raggi dopo quella, scellerata, del ricollocamento dei residenti nei campi Rom, donando loro 800 euro al mese per lasciare i campi e fino a 5.000 euro per chi volesse intraprendere un'attività. Ora siamo arrivati alla "accoglienza diffusa", cioè mettere in mano ad ogni famiglia disposta ad ospitare un rifugiato, 1000 euro al mese. Una soluzione diffusa e, a detta dell'Amministrazione capitolina, vincente nel Nord Europa. Però, e c'è un però, se è vero che in Nord Europa funziona, va anche aggiunto che lì le condizioni di vita dei loro abitanti sono molto diverse,  soprattutto quelle dei loro pensionati, le loro agevolazioni, la bassa tassazione, i servizi offerti, le prestazioni mediche gratuite e potremo andare avanti all'infinito. Tutto quello che l'Italia non fa e non dà a persone che hanno lavorato una vita, e che percepiscono pensioni al limite della sopravvivenza. Fa male vedere come il nostro Stato tratti i nostri cari anziani pensionati, dall'ente che li dovrebbe tutelare e proteggere sono trattati come merce di scambio tra i  Governi e i sindacati, per ottenere consensi elettorali o essere moneta di scambio. 

Fa ancora più male vedere un nonno o una nonna rovistare nella spazzatura dei mercatini rionali, lasciati al buon cuore del singolo commerciante, che con la merce non venduta fa piccole buste per donarle ai nostri anziani per il pasto di un paio di giorni.  Nessun paese al mondo tratta gli anziani come lo facciamo noi e poi vediamo giovani "cristoni" immigrati di quasi due metri ciondolare tutto il giorno attorno alle mense in attesa del pasto e visto che i pasti non sono sempre di loro gradimento, magari perché non seguono i dettami della loro religione, spesso si lamentano pure e poi troviamo un nonnino con le lacrime agli occhi che ti racconta che questo mese non può permettersi le medicine e la spesa, perché ha pagato le utenze e che rovista dietro un banchetto di mercato nella pulitura del fruttivendolo perché per lui è sufficiente che non sia marcia o non puzzi quella verdura.

Questa è l'Italia, ci facciamo belli con L'Europa per l'accoglienza e ci facciamo schifo con i nostri cari a casa nostra. Chiudiamo con una frase "Bipartisan" di sandro Pertini: "Quando un governo non fa ciò che vuole il popolo, va cacciato anche con mazze e pietre". Ma è solo una citazione e non vuole essere altro.

      


ARTICOLI CORRELATI
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
1
"Oltre 20.000 persone hanno aderito all'iniziativa, durante il ponte dell'Immacolata e nonostante il forte freddo"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]