AMATRICE, TORNA LA NEVE
Nei palazzi a Roma si cercano alleanze e ad Amatrice intanto nevica
Mentre nei palazzi a Roma si decide "Ius soli" sì o Ius soli" no, e si cercano alleanze per la prossima tornata elettorale, ad Amatrice nevica per il secondo anno dopo il terremoto e gli abitanti sono ancora senza case

Mentre nei palazzi a Roma si decide "Ius soli" sì o Ius soli" no, e si cercano alleanze per la prossima tornata elettorale, ad Amatrice nevica per il secondo anno dopo il terremoto e gli abitanti sono ancora senza case. Cosa dovrebbero pensare gli abitanti di Amatrice  e zone limitrofe colpite dal sisma? Che passeranno per il secondo anno consecutivo l'inverno all'addiaccio o in sistemazioni di emergenza e che questo Natale il loro albero o presepe lo prepareranno i vigili del fuoco o la protezione civile, sempre presenti e vicini alla popolazione, ma il loro fondamentale lavoro dovrebbe essere finito da un pezzo, doveva ricominciare forse e dico forse la ricostruzione, invece da quel maledetto giorno, il 24 agosto 2016, l'unica macchina che ha funzionato è quella dei volotari, "Gli uomini e le donne che senza chiedere nulla e in silenzio", sono sempre lì, questa situazione sta diventando la normalità, come se nei paesi colpiti, passata l'emergenza salvataggi, non ci fosse fretta e di chi è preposto per la ricostruzione non si vede nemmeno l'ombra, se non per qualche passeggiata della stampa radiotelevisiva, le macerie sono ancora tutte al solito posto, forse accatastate bene ma tutte lì dove sono crollate.

Questa è la nostra politica, una banda di nullafacenti e  incompetenti, che pensano solo all'opinione pubblica, sbandierando  principi di morale con battaglie anche di oltre confine, europee, quando non sanno nemmeno ricostruire piccoli paesi, nei quali i loro concittadini chiedono ad alta voce dignità di vita, Amatrice, Visso, Ussita, Arquata e tutti gli altri paesini dell'entroterra colpiti dal terremoto cosa dovrebbero pensare di questa classe politica e chi dovrebbero votare? Il mio pensiero è di non far mettere le sezioni elettorali per tutto il territorio terremotato, perché la politica è assente, disinteressata e occupata a condurre battaglie che non riguardano il cittadino. Ogni tanto qualche passerella istituzionale, per far sentire la loro presenza e si sono scomodati Reali e Capi di Stato, di ogni Stato e colore,  in pompa magna, ma poi?  Poi niente, finito il teatrino ritorna il buio e la gente si sente ancora più sola e abbandonata, noi siamo fermi alla burocrazia e competenze e la gente è ancora all'addiaccio. Vergogna.


ARTICOLI CORRELATI
"I problemi veri sono altri. Forse il sindaco ha colto l'occasione per fare un po'di pubblicità ad Amatrice"
“C’era una pagina bianca” è un progetto ideato dall’associazione senza fine di lucro O.r.f.e.a., con l’adesione di alcuni artisti
L'ingresso non prevede biglietto, ma all'entrata dell'area-concerto saranno posizionati gli stand della Protezione Civile e della Croce Rossa Italiana
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Caro klose, siamo in due a lasciare la Lazio. Tu rappresenti gli ultimi 5 anni ma la sua storia è assai più lunga, ed è anche la mia storia...
2
Un'ordinanza firmata dal Commissario Tronca proibisce i barbecue fino al 30 Settembre nelle aree verdi di Roma
3
Vladimir Luxuria è convinta che Marino sia stato fatto fuori da qualcuno: "Sono molto confusa e vorrei capire qualcosa in più"
4
Una truffa in piena regola ai danni del servizio sanitario nazionale, scoperta presso la Casa di Cura Villa Tiberia, nel quartiere Talenti
5
Conferimento del diploma di specializzazione honoris causa in anestesia e rianimazione allo sfortunato medico 35enne Riccardo
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]