LEGALITA'
Roma, ancora spari a Ostia: "In corso una guerra tra Spada e Fasciani"
Stando a quanto ricostruito, i colpi sarebbero stati esplosi contro la porta dell’abitazione di Silvano Spada

Si continua a sparare a Ostia. A tre giorni di distanza dalla gambizzazione del nipote di Fasciani, ieri sera sono stati esplosi cinque colpi di pistola in via Forni, quartier generale degli Spada, dove ha sede la palestra di Roberto Spada, in carcere per l'aggressione del giornalista del programma televisivo di Rai 2 "Nemo".

Immediato l’intervento delle forze dell’ordine con una maxi operazione durata fino a notte. Stando a quanto ricostruito, i colpi sarebbero stati esplosi contro la porta dell’abitazione di Silvano Spada.

Commenta quanto sta accadendo  il leader dei Verdi Angelo Bonelli, già bandiera delle battaglie per la legalità sul litorale romano e che, per questo, ha ricevuto numerose minacce dagli stessi clan di Ostia.

“Non vi è alcun dubbio- spiega Bonelli- che è in corso una guerra tra il clan degli Spada e quello dei Fasciani che controllano il traffico di stupefacenti, usura, estorsione, attività economiche e le case popolari di nuova Ostia. Tutto ciò accade nonostante il commissariamento per Mafia, l’attenzione mediatica che Ostia ha avuto in queste settimane e le manifestazioni contro la mafia. Le gambizzazioni e le sparatorie sono un messaggio non solo tra i clan ma principalmente allo Stato, un messaggio chiaro e netto che dice: ‘qui comandiamo noi'”.

Lo Stato, “in tutte le sue articolazioni”, continua il leader dei Verdi, “deve dare subito ed in modo permanente tre risposte: la prima con il ministro degli Interni inviando ad Ostia reparti speciali anticrimine dei carabinieri, della guardia di finanza e della polizia di Stato per svolgere funzioni di indagine e repressione a servizio dell’autorità giudiziaria.

La seconda va ripristinata la legalità in quelle zone dove l’abusivismo commerciale, la gestione di spazi pubblici e delle case popolari è in mano alle organizzazioni criminali. La terza è far funzionare la pubblica amministrazione che deve garantire i servizi togliendo dal degrado urbano il territorio e rafforzando la polizia municipale”.

Se non ci saranno queste immediate risposte, “Ostia rischia di continuare ad essere dominio incontrastato della mafia autoctona con le drammatiche conseguenze che possiamo immaginare sul piano scialle, economico e della sicurezza”, conclude Bonelli. (Foto: Carabinieri Ros, Ag. Dire)


ARTICOLI CORRELATI
Apparentemente un semplice regolamento di conti, secondo gli inquirenti un segnale di un conflitto in atto tra clan criminali
"I problemi dell'Italia sono ben altri da quello che ci vogliono fare credere Salvini, Di Maio e la sindaca Raggi"
La scatola era accompagnata da una lettera con ritagli di giornale con la seguente frase: ''Perché il prossimo sarà il tuo''
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Il 45enne si è lasciato cadere nel vuoto dal tredicesimo piano ed è morto al San Camillo
2
In un'intervista al Corriere della Sera racconta il suo piano per salvare Roma dall'emergenza rifiuti e svela le intenzioni politiche di Alessandro Di Battista
3
Un uomo di mezza età, poco dopo la partenza dal capolinea, ha iniziato a insultare e inveire contro una scolaresca di studenti francesi a bordo del mezzo
4
Il governatore: "È un bellissimo segnale che dimostra come a Roma non ci sono solo gli sgomberi e l’abbandono delle periferie ma c’è anche chi alle periferie ci pensa o con un intervento culturale o con una palestra o con un campogiochi"
5
Fu Lorenzo Bagnacani, ex presidente Ama (è stato sollevato dall'incarico pochi mesi fa dalla sindaca Raggi) a rendersi conto nel 2017 dei furti di gasolio
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]