FIGURE CITTADINE
Storie di Roma, "Frate Orsenigo, er cavadenti"
Si chiamava Fra Giambattista Orsenigo e fu un personaggio popolarissimo all'Isola Tiberina fra il 1867 e il 1903

Verso la fine del milleottocento, quando presso l'ospedale Fatebenefratelli non esistevano i moderni e attrezzatissimi gabinetti di odontoiatria, era assai nota la robusta e atletica figura di un fratone lombardo che in una modesta stanzetta al pianterreno esercitava la sua attività di "cavadenti". Si chiamava Fra Giambattista Orsenigo e fu un personaggio popolarissimo all'Isola Tiberina fra il 1867 e il 1903 e a lui si fa risalire la fama che ancor oggi gode il reparto odontoiatrico dell'ospedale. Ma non era un dentista nel vero senso della parola in quanto non curava né prescriveva rimedi , ma estraeva soltanto i denti con un sistema a dir poco primitivo, rapido e senza anestesia, spesso in maniera assi frettolosa e talvolta senza far nemmeno sedere il paziente, tanta era la povera gente che si affidava alle sue "cure" rapide e gratuite, si narra infatti che spesse volte la fila di clienti arrivava fin oltre ponte Quattro Capi. Ma non solo i poveri ricorrevano a lui, perché si dice che ebbe l'onore di "guarire" anche famosi personaggi  tra cui Giosué Carducci, Pietro Cossa, Quintino Sella, Ciro Menotti, Giuseppe Garibaldi e la celebre cantante dell'epoca Adelina Patti.

Usava pochissimi "ferri del mestiere", ed essendo dotato di una forza eccezionale, a volte faceva a meno anche di quelli, servendosi più semplicemente del pollice  e dell'indice della sua mano destra. Così fece anche con Papa Leone XIII, il quale durante un'udienza confidò al frate di avere un dente che gli dava fastidio e che i madici non osavano estrarre in considerazione della sua tarda età. Frate Orsenigo chiese allora al Santo Padre di affidarsi un momento a lui e quando il Papa aprì fiducioso la bocca egli allungò la mano, "ma invece di saggiare il dente, in men che non si dica l'estrasse". Di questa formidabile estrazione rimane solo una foto del Papa con autografo avendogli rifiutato il dente estratto, che Giambattista avrebbe voluto conservare per la sua singolare collezione. Aveva infatti l'abitudine di mettere da parte tutti denti  che estraeva e li ammucchiò in tre cassepanche che ne contenevano oltre due milioni.


ARTICOLI CORRELATI
Una truffa in piena regola ai danni del servizio sanitario nazionale, scoperta presso la Casa di Cura Villa Tiberia, nel quartiere Talenti
Le fiamme sono state domate. D'Amato: "Roma con 400 posti in meno nella rete dell’emergenza ha sicuramente una sofferenza”
Non tutti sono convinti che il trattamento di pulizia dei denti sia importante. Molti si rivolgono al dentista solo quando è troppo tardi
I PIU' LETTI IN RUBRICHE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Luttuosi, snob e cattivi
2
Chi ha venduto a prezzo di mercato un immobile acquisito in regime di edilizia agevolata, oggi potrebbe evitare la restituzione della differenza di prezzo
3
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 milioni di euro
4
La testimonianza di Alberto Palladino, 28enne reporter romano
5
Comunque la mettiate: le tette hanno e avranno sempre un potere. Soprattutto sulle donne
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]