AMBIENTE
Ambiente; Petrolio, mancato controllo delle "carrette del mare"
di Remo Sabatini

Accaduto domenica, lo sversamento di greggio, non era stato preso in considerazione dalle autorità greche che, solo nelle ultime ore, si sono mosse per cercare di salvare il salvabile, quando, ormai, la marea nera aveva già raggiunto anche le coste. 

Al di là del dramma economico, legato al turismo, che l'incidente (annunciato, vista la vetusta condizione della petroliera responsabile) ha provocato, si tende, ancora una volta, a ridimensionare l'aspetto che coinvolge brutalmente la Natura di quelle acque. Uccelli marini, pesci e la vita dei fondali, pagheranno per gli anni a venire, come sempre accade, la colpevole incuria di chi (armatore e capitano) avrebbe dovuto lasciare agli ormeggi la nave.

La non meno colpevole "dimenticanza" (autorità portuali e istituzioni) di coloro che dovrebbero controllare barche e barchette che prendono il mare senza tutti quei parametri che ne garantiscano la sicurezza.


ARTICOLI CORRELATI
La perdita, individuata già dal 13 marzo scorso, ha cominciato ad inquinare pesantemente le aree marine circostanti e la marea si è estesa per circa 3 Km
Lo sciopero è una protesta contro l'indifferenza del governo, come si legge in una nota
I PIU' LETTI IN AMBIENTE
GIORNO SETTIMANA MESE
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]