FABRIZIO BRACCONIERI
Bracconieri: Non voglio musulmani in Italia, andrei alla Marcia su Roma
"Le donne sposate con musulmani in Italia pesano tutte 130 chili e non trovando uomini disposti ad andare con loro si mettono con i musulmani"

Fabrizio Bracconeri è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano. Sul suo tweet contro la Kyenge: "Io posso essere responsabile di ciò che scrivo io, quello che scrivono gli altri a nome mio non mi interessa. Ho già fatto la denuncia. I giornalisti cercano di fare qualsiasi cosa pur di danneggiarmi, ora ne saranno responsabili. Il post sulla Kyenge era mio, io non l'ho insultata, semplicemente non ricordando come si chiamasse l'ho apostrofata 'buzzicona', ma buzzicona non è un'offesa, Alberto Sordi ci chiamava la moglie. Non è bello dire ad una donna buzzicona? Non è neanche bello che una congolese faccia il Ministro in Italia. Lei non è italiana, è congolese, punto".

Dopo è subentrata la parodia: "Io dopo il tweet sulla Kyenge sono stato bloccato e non ho fatto nulla per tornare sul mio profilo.  E' nato un fake, che pare sia uno studente in medicina di Milano, intervistato addirittura dal Fatto Quotidiano. Una cosa sconvolgente. E Twitter a questo signore non l'ha bloccato. Ho fatto una denuncia alla polizia postale e una denuncia ai carabinieri. Ora vedremo cosa accadrà. Il mio account è ancora bloccato, ma senza Twitter si vive bene ugualmente, non è che si muore. Gli account parodia, comunque, li fanno solamente ai personaggi importanti, a quelli che contano. Perciò la signora Kyenge che dice che io voglio popolarità dice una gran cazzata".

Bracconeri è convinto di essere un personaggio scomodo: "Siamo stanchi di subire da un Governo non eletto da nessuno delle imposizioni che alla maggioranza della gente non vanno bene.  Chiedere scusa alla Kyenge? No, è lei che deve chiedere scusa a me e agli italiani. Quando arriverà un altro governo questa gente verrà denunciata. Io spero che li denuncino tutti. Posso anche abbracciare la Kyenge, io non sono razzista. Io ce l'ho semplicemente con chi vuole per forza farci accettare una religione nello Stato Italiano, la religione musulmana. Io la religione musulmana non la voglio. I musulmani non li voglio. Ho le palle per dire che a me non sta bene questa situazione".

In Italia i musulmani si mettono con donne obese, dice Bracconeri: "Le donne sposate con i musulmani in Italia pesano tutte 130 chili, non troverebbero nessun uomo disposti ad andare con loro, e allora si mettono con i musulmani. Queste signore non molto carine si mettono con questi signori musulmani, prestanti, con bei fisici, e ci fanno anche dei figli. Per questo certe signori difendono i musulmani. La donna brutta sfrutta questa situazione pensando di avere un ritorno amoroso o sessuale. Questa è la realtà, non scandalizzatevi. Avete mai visto una brutta cicciona, grassa, fatta male, che sta con Gabriel Garko? No! Siccome questi vengono e hanno fame di tutto, si accontentano di avere un piatto caldo con queste signore, magari di avere anche del sesso, invece di farlo con le capre. E non lo dico io, ci stanno le fotografie. Si accoppiano con le capre o con le pecore". 

A proposito della 'marcia su Roma' che Forza Nuova vorrebbe riproporre per il prossimo 28 ottobre: "Parteciperei, certo. Anzi non è escluso che ci vada. Ci stanno costringendo a diventare estremisti perché non siamo più difesi". 


ARTICOLI CORRELATI
Un Iran che si apre al mondo fa paura ma il terrorismo non ha razza né religione e deve essere condannato in tutte le sue manifestazione
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto esprimere la sua "vicinanza" ai musulmani moderati in piazza Santi Apostoli
Reportage tra i fedeli dell'Islam e quelli cattolici: d'accordo sul non generalizzare. Servizio su Radio Municipio Roma2
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
2
Federica Angeli: "Come fanno gli egiziani a comprare le mura di un negozio? I loro sponsor sono quelli che loro chiamano 'napoletani'"
3
Intervista alla responsabile dello sponsor dell'iniziativa, Marianna Giovannetti
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Intervista all'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno ad un anno dall'elezione di Ignazio Marino
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]