AMBIENTE
La Lipu chiede la sospensione della stagione venatoria
“Non è più tollerabile lo scempio che si sta compiendo ai danni della natura da parte di molti cacciatori”. Le parole del presidente della Lega Italiana Protezione Uccelli, Fulvio Mamone Capria

Dopo l’ennesimo atto criminale che ha visto il ferimento di un esemplare di Ibis Eremita (il quinto), specie super protetta, la LIPU ha chiesto l’immediata sospensione della stagione venatoria in atto.

“Non è più tollerabile lo scempio che si sta compiendo ai danni della natura da parte di molti cacciatori”. Le parole del presidente della Lega Italiana Protezione Uccelli, Fulvio Mamone Capria, intervenuto ai microfoni di Radio Roma Capitale, sono eloquenti. D’altronde, gli ultimi episodi legati alla caccia nel nostro Paese e che avevano fatto registrare una serie di uccisioni e ferimenti ai danni di specie protette come aquile, barbagianni e altri esemplari rarissimi di Ibis avevano colpito l’opinione pubblica, indignata di fronte ad un tale, gratuito vilipendio delle specie a rischio di estinzione.

Come si può scambiare un Ibis o un aquila con un altro uccello? si era poi chiesto Mamone Capria, dobbiamo pensare ad una strategia in atto?” aveva concluso. L’Ibis Eremita era scomparso quattro secoli fa dai nostri cieli. Fa parte di un importantissimo progetto di reintroduzione di portata internazionale. Reason for Hope è il nome del progetto Life+ portato avanti dal team austriaco Waldrapteam che vede il coinvolgimento di otto paesi tra i quali l’Italia. L’intento è quello di insegnare ad una popolazione di ibis nata in cattività, la migrazione in autonomia. In questi giorni, infatti, la specie sta migrando dall’Austria alla laguna di Orbetello dove, cacciatori permettendo, dovrebbe svernare.

Dei 17 esemplari, sono già 5 quelli impallinati. Un dato incredibile quanto tragico tanto che la LIPU, è notizia di queste ore e confermata dal suo presidente, con una lettera urgente inviata al Ministro dell’Ambiente, al Ministro dell’Interno e ai 4 prefetti delle città italiane teatro degli abbattimenti, ha chiesto l’immediata sospensione della stagione venatoria e un sollecito controllo capillare che riguardi l’operato dei cacciatori.


ARTICOLI CORRELATI
La mattina del 9 gennaio, a Villa Pamphilj, un'esemplare di volpe dopo essere stato azzannato al collo da un cane è rimasto per due ore agonizzante sul terreno
In piena emergenza mezzi pubblici, la sindaca si dedica alla firma di ordinanze per tenere in casa i pappagalli
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
I PIU' LETTI IN AMBIENTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
2
Nonostante le proteste arrivate da tutto il mondo, il cucciolo di giraffa è stato giustiziato
3
Nuova spedizione in Sud Africa del fotografo naturalista Remo Sabatini dedicato al predatore dei mari
4
AMBIENTE Squalo! Squalo!
Con le spiagge della domenica affollate dai bagnanti torna “l'incubo degli squali” tra avvistamenti veri e presunti
5
La affascinante storia di Raffaella Schlegel e dei suoi squali e della sua vita dedicata all'oceano
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]