OMISSIONE SOCCORSO
Donna picchiata in strada, vigili non intervengono
"Uno dei due vigili, ridendo, mi ha detto che gli agenti possono intervenire solo se è la persona coinvolta a chiedere aiuto"
Poliziotti Municipali

Una banale lite automobilistica sfociata in una violenta aggressione. Il tutto sotto gli occhi di due agenti della Polizia Municipale. È successo a Roma, in piazza San Giovanni, dove una giovane donna di 32 anni è finita al pronto soccorso dopo essere stata presa a calci e pugni da un'altra ragazza di 28 anni coinvolta nel diverbio.

"Ho ricevuto una prognosi di 6 giorni per contusione del volto, contusione addominale, contusione al ginocchio destro e trauma distrattivo cervicale - racconta alla Dire G.T. vittima dell'aggressione - Ma ora la rabbia è più forte dello spavento. I due agenti di polizia municipale che hanno assistito alla scena sono rimasti a braccia conserte, dicendomi che non spettava a loro intervenire".

La ragazza descrive quindi la dinamica dell'accaduto: "Stavo entrando in un parcheggio e mi sono affiancata alla macchina davanti per fare manovra. In quel frangente mi è squillato il telefono e ho risposto all'auricolare. Quando ho girato la testa per fare retromarcia, ma parlo di una frazione di secondo, mi sono ritrovata un motorino attaccato al portabagagli, proprio dietro di me.

Mi sono guardata intorno per capire dove fosse il proprietario, quando ad un certo punto sugli scalini di un Sert( Servizio per le tossicodipendenze ) lì vicino ho notato una ragazza seduta che mi guardava. Le ho fatto segno con il pollice che dovevo entrare nel parcheggio. Lei ha usato subito un linguaggio volgare e se n'è andata. Ho aspettato qualche secondo e poi mi sono messa a suonare il clacson, anche perché avevo un appuntamento con il medico di mio figlio, che grazie a dio non era con me.

A quel punto si è avvicinato a me un ragazzo che, scusandosi, mi ha detto 'te lo sposto subito', sono riuscita così ad entrare nel parcheggio, ma mentre mi sono girata in avanti per fare l'ultima manovra, mi sono trovata davanti la ragazza che mi ha preso per i capelli, mi ha insultata e sputato in faccia. Quindi sono scesa dalla macchina e mi ha dato un calcio in mezzo alle gambe, cosa per la quale ho avuto un leggero sanguinamento, e uno su una coscia.

La ragazza se n'è poi andata, io l'ho rincorsa per circa un metro a piedi, mentre il ragazzo che era con lei gli gridava nel frattempo se fosse impazzita. Sempre la ragazza, non contenta, mi ha preso di nuovo a calci e pugni in faccia". A circa 300/400 metri dalla scena c'è un gabbiotto dei vigili urbani. "Non sono intervenuti - denuncia la ragazza - così come non è intervenuta la guardia giurata davanti al Sert. C'era solo un ambulante, un ragazzo africano, che i vigili hanno praticamente allontanato.

Solo una coppia di turisti spagnoli si è messa a gridare per attirare l'attenzione dei vigili, i quali hanno attraversato con tutta calma, mentre la ragazza che mi ha aggredita saliva sul motorino per andarsene". A quel punto, racconta G.T., 'mi sono messa davanti a lei, afferrando lo specchietto del suo motorino per impedirle di allontanarsi, cercando di trattenerla per farla identificare dai vigili. Ma gli agenti sono rimasti a braccia conserte, immobili, mentre lei mi ha detto: 'Levati dal cazzo altrimenti ti investo'.

Fortunatamente ero in piedi, ma comunque mi è venuta addosso passandomi con le ruote sopra i piedi. Ho sbattuto anche entrambe le ginocchia". Prosegue il racconto della vittima: "Quando la ragazza è andata via, uno dei due vigili, ridendo, mi ha detto che gli agenti possono intervenire solo se è la persona coinvolta a chiedere aiuto. Ma al di là dell'omissione di soccorso - sottolinea G.T.- i vigili non sono intervenuti su una cosa che è di loro strettissima competenza.

Allora ho chiamato i carabinieri di piazza Dante, che si trova lì vicino, che sono arrivati con la pattuglia dopo 45 minuti perché loro stessi, al telefono, mi hanno detto che se all'accaduto erano presenti i vigili non competeva a loro intervenire". Una volta arrivati i carabinieri, la ragazza racconta di avere immediatamente chiamato il suo avvocato, perché si doveva 'difendere dai due agenti della municipale - aggiunge - che nel frattempo avevano avvertito il loro comandante dicendogli che quello che stavo dicendo io nei loro confronti era una calunnia e che c'era la loro parola contro la mia.

Il loro problema in quel momento, quindi, era solo quello di scagionarsi. Morale della favola: i vigili non hanno identificato la ragazza che mi aveva aggredito, mentre i carabinieri non hanno ascoltato i due testimoni perché erano spagnoli, hanno detto, e non potevano sentire la loro versione". Intanto oggi Maria Caterina Zofrea, avvocato di G.T., ha fatto una denuncia alla procura della Repubblica.

"Essendo mancato ogni tipo di intervento - dice la vittima all'agenzia Dire - abbiamo presentato una denuncia - querela nei confronti della ragazza, alla quale siamo riusciti a risalire grazie alla targa del motorino presa dai due turisti spagnoli, raccontando dell'omissione di soccorso dei due vigili che sono stati identificati. Spero che la denuncia venga accolta", ha concluso.

Da parte loro il comando della Polizia Municipale, interpellato, ha fatto presente che: "Da parte nostra c'è disponibilità a fare massima chiarezza e luce sull'accaduto. Invitiamo a presentare il materiale disponibile".


ARTICOLI CORRELATI
E' stata fermata una donna italiana di 56 anni nei confronti della quale sussistevano dei fondati indizi di colpevolezza
Nella bufera il comandante Clemente che fa rientrare le sanzioni in un "sistema di valutazione"
All'arrivo dei bus, prima di attestarsi alla banchina della fermata, il bus sarà controllato dalla porta anteriore
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Un urlo si è alzato al suo passaggio: "Rispetto!" E gli animi si sono scaldati
Data di pubblicazione: 2019-08-21 17:31:29
2
"L'autista della linea 716 che la mattina del 16 agosto ha tentato di impedire l'ingresso nel bus a una persona di colore non può rimanere al suo posto"
Data di pubblicazione: 2019-08-18 23:33:36
3
"Non esiteremo a prendere i più severi provvedimenti possibili nei confronti di chi lede l'immagine aziendale e la dignità della stragrande maggioranza dei lavoratori"
Data di pubblicazione: 2019-08-23 16:27:05
4
"Parteciperemo ai funerali di Fabrizio come nel nostro stile, in assoluto silenzio, rispetto e compostezza. Onoreremo così il volere dei familiari" scrivono in un comunicato diffuso in rete gli Irriducibili Lazio
Data di pubblicazione: 2019-08-19 00:17:56
5
Un passante ha notato il corpo riverso a terra, vicino ad alcuni cassonetti, intorno alle 7 di mattina. Fermato un uomo accusato di omicidio
Data di pubblicazione: 2019-08-23 12:18:42
1
Il fatto drammatico è avvenuto questa sera in via Lemonia, nel Parco degli Acquedotti. Sarà la direzione Antimafia a indagare sull'omicidio
Data di pubblicazione: 2019-08-07 20:01:51
2
In un altro esercizio denunciati il titolare per frode in commercio e un addetto alla sicurezza perché in possesso di un manganello telescopico
Data di pubblicazione: 2019-08-03 16:22:55
3
La demolizione della Tangenziale è solo un tassello del grande disegno di trasformazione dell'area intorno alla stazione Tiburtina. Ecco come cambierà
Data di pubblicazione: 2019-08-05 15:25:44
4
Apre i battenti la spiaggia sul lungotevere Dante, voluta dalla Raggi
Data di pubblicazione: 2019-08-03 18:09:39
5
"La maleducazione, l'arroganza, la disinformazione riguarda proprio tutti. Al 118 abbiamo la possibilità di toccarla con mano ad ogni soccorso"
Data di pubblicazione: 2019-08-11 22:03:53
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]