LA STILISTA BEATRICE BAZZANO
Vince il contest per le nuove divise di Poste Italiane
La sfida lanciata tra i giovani creativi emergenti della moda, è nata per comunicare il cambiamento e lo spirito innovativo di Poste Italiane

Poste Italiane: la giovane stilista toscana Beatrice Bazzano vince il contest per disegnare le nuove divise dei portalettere, la ventiduenne studia all’Istituto Modartech di Pontedera e si è aggiudicata una borsa di studio del valore di 20 mila euro per un master. Al contest indetto da Poste Italiane hanno aderito 26  istituti italiani di moda e design.

Roma, 13 luglio 2016 - E’ Beatrice Bazzano, studentessa dell’Istituto Modartech di Pontedera, la vincitrice del contest lanciato da Poste Italiane, a cui hanno partecipato i migliori giovani stilisti e designer italiani per ideare le nuove divise dei portalettere.

La sfida lanciata tra i giovani creativi emergenti della moda, è nata per comunicare il cambiamento e lo spirito innovativo di Poste Italiane anche attraverso il nuovo look degli addetti al recapito. Beatrice Bazzano, 22 anni, nata a Fucecchio (Fi),  iscritta al 2° anno del corso di Design e progettazione di moda, riceverà una Borsa di studio del valore di 20 mila euro per accedere a un master o a un corso di perfezionamento in Italia o all’estero.

Al contest promosso da Poste Italiane hanno partecipato studenti di 26 istituti italiani, pubblici e privati, di moda e design i cui lavori sono stati sottoposti al giudizio di professionisti e tecnici del settore.

La proposta della giovane stilista ha convinto gli esperti della giuria non solo per la sua valenza creativa e per lo stile dinamico e funzionale, ma anche per aver saputo interpretare in modo spiccato le esigenze operative dei portalettere, immaginando una tenuta particolarmente pratica e comoda nelle due versioni, sia estiva che invernale,  ricche di dettagli utili al lavoro quotidiano dei postini.

I colori rimangono quelli classici blu, celeste e giallo, giocati in contrasto sulle rifiniture, i materiali, di grammatura leggera, sono tecnici e traspiranti. Camicie, top e pantaloni sono in tessuti semielasticizzati hanno pratiche coulisse interne ed esterne regolabili, comode tasche portaoggetti e zip antigraffio. La giubbotteria utilizza  tessuti idrorepellenti. Linee unisex ma anche con qualche concessione più  sartoriale per la linea donna.

Oltre alla borsa di studio per la vincitrice, sono stati messi in palio tre premi social #postestile  per gli studenti che sono stati maggiormente presenti sui social network nel periodo di svolgimento del contest. I riconoscimenti sono stati assegnati a Miriam Del Vecchio, del Politecnico di Milano, Maria Giovanna Selis, dell’Accademia Altieri Moda e Arte di Roma  e a Sladana Krstic, sempre dell’Accademia Altieri.

Per promuovere l’iniziativa Poste Italiane ha realizzato una campagna di comunicazione dedicata al lancio della nuova divisa al fine di dare visibilità sia alle scuole sia agli studenti; Poste ha creato inoltre l’hashtag #postestyle per rendere più facilmente riconoscibile il progetto e promuovere lo scambio di informazioni e opinioni attraverso i social network.

Durante la fase di realizzazione del contest sono stati anche realizzati alcuni videoclip che hanno per protagonisti i concorrenti al lavoro, dai quali è stato tratto anche un breve film che sarà proiettato in occasione della cerimonia di premiazione.

Il concorso di idee sulla nuove divise dei portalettere conferma l’impegno di Poste Italiane nel quadro di un processo di cambiamento e di sviluppo aziendale in atto. Un tassello importante nel più ampio concetto di responsabilità sociale d’impresa mirato a sostenere il talento dei giovani studenti.

Tutte le informazioni sull’iniziativa e i nomi dei 26 istituti che hanno aderito sono disponibili sul sito dedicato contestnuovedivise.posteitaliane.it


ARTICOLI CORRELATI
La passione per la break dance si mescola alla competitività nella finale del Red Bull BC One. A parlarne è Matthew
I due banditi, facilitati dalla doppia porta non allarmata, hanno agito con tutta calma, come fossero dei professionisti
Il sindaco ha detto:"Con le tecnologie delle Poste migliorerebbe l'economia della città"
I PIU' LETTI IN COSTUME
GIORNO SETTIMANA MESE
1
L’iniziativa è marchiata E-Campus e nel piano di studi ci sono fior di materie tra cui la semiologia. Ma per farne cosa, all’atto pratico?
Data di pubblicazione: 2019-10-11 14:43:40
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]