SALUTO
Rocco Tanica:Addio a Elio e le Storie Tese, non posso più suonare
Fa sensazione l'addio di Rocco Tanica ai concerti, il tastierista e arguto animatore di Elio e Le Storie Tese non riesce più a suonare dal vivo

Fa sensazione l'addio ai concerti che Rocco Tanica, il tastierista e arguto animatore di Elio e Le Storie Tese, ha dato sul palco del Forum di Assago dopo l'esibizione del gruppo, non tanto perché ha deciso di non suonare più dal vivo con gli Elio, ma per le motivazioni che ha raccontato, e che sono state raccolte durante la trasmissione televisiva Storie, in onda dalla tv svizzera RSI pochi giorni fa. Rocco, al secolo Sergio Conforti, ha parlato di una vera e propria malattia che si manifestava con attacchi di panico e gravi stati di disagio psichico, che lo hanno portato spesso a pensare addirittura al suicidio.

“Tutto è iniziato - come racconta Rocco non senza un certo imbarazzo nell'intervista – dopo il Festival di Sanremo del 2013, quello dove presentammo "La canzone monotono", e iniziai a soffrire di una forte depressione legata ad attacchi di panico e stati d'ansia, soprattutto quando salivo sul palco per suonare nei concerti”. “Fu così – ha dichiarato in tv l'artista, poi sostituito alle tastiere da Vittorio Cosma – che decisi di smettere l'attività dei tour e iniziai subito a stare meglio, grazie anche a cure mirate alle quali mi sottoposi. Non ho il fisico per il rock: alle 9 e mezza mi viene sonno – prosegue Rocco con l'ironia che non l'ha di certo abbandonato - ho poche energie per questo, a differenza dei miei colleghi che sono locomotive da palcoscenico. Non farò più concerti e tour, ma continuerò a collaborare con il gruppo nel lavoro in studio e a quello in tv.”

La verità è che la sindrome depressiva che ha colpito Rocco Tanica è molto diffusa tra gli artisti, anime fragili e sensibili forse più di altre, a volte al di là delle stesse apparenze che possono essere ingannevoli, almeno per chi banalmente li immagina navigare tra facili successi e gloriosi onori. Non è così, perché sappiamo bene quanta sofferenza e quanto impegno ci vuole, quando raramente accade, per arrivare in cima e restarci, quanto stress si raccoglie nel percorso creativo, e quali sono le vie di fuga per superare tutto questo, vie che spesso conducono all'autodistruzione se non ci si ferma prima a riflettere e curarsi, come ha ben fatto il simpatico Rocco.


ARTICOLI CORRELATI
Di stagione in stagione i virus intestinali colpiscono milioni di italiani, causando nausea, vomito, diarrea e anche febbre
L'artista statunitense torna in concerto a Roma
Risultati incoraggianti, il 30% dei bambini esce dalla diagnosi e l'80% dallo spettro autistico. Venerdì 1 Aprile sarà presentata la ricerca
I PIU' LETTI IN SPETTACOLI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Elena Bonelli presenterà i finalisti della seconda edizione del talent “Dallo stornello al rap”
3
Il Festival di Arte Piromusicale si terrà nella location del Parco divertimenti Rainbow MagicLand
4
Negata l'autorizzazione per lo spettacolo a Gabriele Carbotti
5
A Piazza del Popolo, questa sera alle 18 il concerto in onore di Franco Califano
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]