MARO' LIBERI
Incatenati fuori dall’Ambasciata d’India: “Marò liberi”
Stamattina sei attivisti di Azione Nazionale si sono incatenati al cancello dell’Ambasciata indiana

Proseguono le iniziative di solidarietà per i due Marò, Massimiliano Latorre (in convalescenza in Italia, ndr.) e Salvatore Girone (in libertà provvisoria a Delhi, ndr.), il cui ingarbugliato caso diplomatico, iniziato nel 2012, potrebbe finalmente approdare ad una risoluzione. In attesa della pronuncia del Tribunale arbitrale, appositamente costituito dall’Aja, circa un centinaio di militanti di Azione Nazionale, che vede l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno nel comitato direttivo, stamattina si sono dati appuntamento fuori dall’Ambasciata dell’India a Roma “per tenere alta l’attenzione di tutto il Paese sulla vicenda”.

“Marò liberi subito” è lo slogan scelto dai manifestanti per riempire lo striscione srotolato davanti all’Ambasciata indiana e gridato dagli attivisti di cui, sei, ad un certo punto si sono anche incatenati al cancello della sede diplomatica. Qualche ora più tardi, in un clima che resterà comunque pacifico, toccherà alle Forze dell’Ordine spezzare catene e lucchetti per poi disperdere la folla.

“E’ una vicenda tragica che sta segnando la vita umana e personale dei nostri soldati colpevoli soltanto di aver svolto il loro lavoro. Il silenzio dei governi italiani che si sono succeduti in questi quattro anni è assordante e la dice lunga sull’assoluta mancanza di dignità e sovranità nazionale e di rispetto verso le Forze Armate impegnate ogni giorni in centinaia di missioni di pace in tutto il mondo”, ha dichiarato Fausto Orsomarso, portavoce dell’associazione. 

“La nostra iniziativa oggi - prosegue Orsomarso - vuole tenere alta l’attenzione di tutto il Paese sulla vicenda dei Marò in un momento in cui il governo Renzi è chiaramente impegnato nell’opera di autocompiacimento e ha deciso di abbandonare a se stessi il destino dei nostri due connazionali”.

E’ bene ricordare che il cui destino dei due fucilieri, tra fasi alterne, è da oltre 1.440 giorni ostaggio della giustizia indiana.


ARTICOLI CORRELATI
"Credo sia giunta l'ora di rompere gli indugi e prepararsi a lanciare un grande congresso per dar vita a un nuovo partito della destra italiana"
Rome Maròthon, la sfilata di centinaia di motociclisti per rendere omaggio ai nostri due Marò
“Bisognerebbe porre fine all’esperienza Marino e andare a nuove elezioni: così si può veramente aprire una fase diversa”
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Gli arrestati, fra cui 7 donne, sono ritenuti responsabili di estorsione, usura, intestazione fittizia di beni, spaccio di stupefacenti
2
Danneggiati i cavi della linea ferroviaria: treni in ritardo e corse cancellate
3
Resosi conto di aver rubato l'auto alla madre del calciatore giallorosso, forse ladri amanti della Roma, hanno fatto marcia indietro
4
Un famoso commerciante dell'arredamento di Roma, rimasto vittima dei Casamonica, racconta i metodi estortivi del Clan
5
L'uomo nascondeva dietro le lapidi 1.092 grammi di cocaina e una pistola risultata rubata
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]