LO SCRIVE SU FACEBOOK
Parigi, Sabina Guzzanti: "Chiedere scusa per la guerra in Iraq"
"L'Isis esiste solo perché c'è stata l'invasione dell'Iraq. Non c'è un'altra ragione, con buona pace dei guerrafondai e dei seguaci della Fallaci"

"Noi continuiamo a chiamare questi attentati, attacchi terroristici. Ma il termine più corretto per questi attacchi è guerriglia. E si tratta di una modalità di guerriglia davvero molto difficile da sconfiggere. Possono agire in ogni parte del mondo e non vengono da fuori, vengono da dentro. Chiudere le frontiere non serve a nulla. Questa volta sul piano della forza, sono più forti. Potrebbe essere se non altro per questa ragione per abbandonare la strategia della violenza e seguire quella della razionalità". Lo scrive su facebook Sabina Guzzanti. "Ancora una volta civili innocenti pagano le scelte sconsiderate di una politica pilotata da interessi privati - aggiunge - Oggi mentre il mondo è sconvolto, si parla di chiudere le frontiere, cosa che oltre che essere ingiusta è semplicemente impossibile. Si parla di altri attacchi armati, che non potrà che incrementaranno il conflitto invece che risolverlo. L'unica soluzione che non si prende in considerazione è quella di smettere di bombardare, invadere, sfruttare, i paesi islamici". "E magari- sottolinea- chiedere scusa per la guerra in Iraq, guerra ingiusta, fatta con il pretesto ridicolo delle armi di distruzione di massa, in cui i nostri eserciti hanno provocato la morte di decine di migliaia di civili innocenti, abbiamo portato tortura, speculazioni di ogni sorta e devastato la struttura politica di un paese a beneficio di interessi privatissimi. E' questo che permette all'Isis di ottenere un consenso così vasto. L'Isis è in Iraq ed esiste solo perché c'è stata l'invasione dell'Iraq". "Non c'è un'altra ragione, con buona pace dei guerrafondai e dei seguaci della Fallaci il cui pensiero contro ogni logica oggi viene rispolverato - dice ancora Sabina Guzzanti - E' accaduto esattamente quello che milioni di persone scese in piazza nel 2001 contro la guerra, in Iraq, hanno gridato invano. Abbiamo messo in moto un conflitto pericolosissimo che ha buone possibilità di trasformarsi in una guerra globale permanente".


ARTICOLI CORRELATI
A Roma una fiaccolata organizzata da FNSI per mostrare solidarietà alle vittime dell'attentato a Parigi
Cerimonia in onore di Nicola Calipari, morto 9 anni fa nelle ore che seguirono il rilascio di Giuliana Sgrena
Su Facebook una pagina esilarante, i romani rispondono all'ISIS: "Se te prendi mi moje la croce ce l'hai te"
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Il 45enne si è lasciato cadere nel vuoto dal tredicesimo piano ed è morto al San Camillo
2
In un'intervista al Corriere della Sera racconta il suo piano per salvare Roma dall'emergenza rifiuti e svela le intenzioni politiche di Alessandro Di Battista
3
Alcune famiglie hanno rifiutato le soluzioni offerte dal Campidoglio
4
Fu Lorenzo Bagnacani, ex presidente Ama (è stato sollevato dall'incarico pochi mesi fa dalla sindaca Raggi) a rendersi conto nel 2017 dei furti di gasolio
5
Alle 2 di notte del 14 luglio hanno forzato il portone di un palazzo in via Angiolo Cassioli, tentando di entrare all'interno di un appartamento
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]