POLITICA
Crac ATAC. Ghera: "Gestione Marino, super bonus e mega stipendi"
Fabrizio Ghera, contro privatizzazione: "Atac servizio scadente. Come l'amministrazione eviterà fallimento?"

"Mentre la sinistra in Campidoglio approva a mozzichi e bocconi la delibera relativa al nuovo contratto di servizio di Atac, la municipalizzata si avvia ad uno storico e pesantissimo crac finanziario grazie alla dissennata gestione targata Marino. Come Fdi-An denunciammo in più occasioni, anche a mezzo stampa, quanto stava avvenendo alle casse di Atac, dove venivano erogati a pioggia super bonus e mega stipendi ai dirigenti, come addirittura l'assunzione del nuovo capo del personale De Paoli assunto senza concorso a 230 mila euro l'anno vicenda che abbiamo portato alla Corte dei Conti, mentre contro i dipendenti si abbattevano invece le procedure di mobilità avviate con la ex legge 223/91".

Sono le parole diFabrizio Ghera, capogruppo di Fdi-An in Campidoglio. "Non solo da quanto ci risulta sembrerebbe che, dalle linee guida del bilancio approvate nell'ultimo Cda, l'attuale gestione Atac rientri nell'articolo 2447 il quale prevede che se per la perdita di oltre un terzo del capitale questo si riduce al disotto del minimo stabilito dall'articolo 2327, gli amministratori o il consiglio di gestione e il consiglio di sorveglianza devono convocare l'assemblea per deliberare la riduzione del capitale e l'aumento del medesimo" dichiara in una nota.

"Di fatto, l'azienda dovrà essere nuovamente ricapitalizzata da Roma Capitale. È evidente che qualora tale notizia corrispondesse al vero, oltre che provare l'assoluta gestione fallimentare dell'attuale management, ci chiediamo come l'attuale amministrazione intenderà procedere al fine di evitare il fallimento della società. Come Fdi-An lanciammo il sospetto, oggi giustificato, che a nostra avviso era in atto una manovra predeterminata per distruggere e dissanguare Atac, per poi magari regalare il ricco mercato del trasporto pubblico romano a qualcuno. Una sorta di 'tempesta perfettà confezionata ad arte che nasconde tutte le logiche di quella privatizzazione strisciante che, se davvero in atto, sarebbe una sciagura per la città e per la collettività. Nel frattempo assistiamo ad servizio sempre più scadente, con una forte riduzione delle corse e con il linciaggio, senza precedenti, dei macchinisti e di tutti i dipendenti. È inaccettabile che i romani e i lavoratori di Atac continuino a pagare i risultati della pessima gestione firmata sinistra". 


ARTICOLI CORRELATI
La manifestazione nazionale contro la privatizzazione del trasporto pubblico locale
Non si arrestano le proteste dei lavoratori Atac. A guidarli, la pasionaria Micaela Quintavalle
Micaela Quintavalle annuncia: "Stanno privatizzando. Tutti a Palazzo Madama"
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
3
La candidatura arriva il giorno del suo compleanno, l'ex sindaco di Roma oggi compie 61 anni ed è l'unico che potrebbe infastidire gli avversari
4
Sono un gruppo di professionisti di Roma: avvocati, commercialisti, accademici universitari, che vogliono risvegliare gli animi e le coscienze delle persone
5
Roma, convention tra i maggiori partiti nazionalisti europei
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]