AMBIENTE
Mai più delfini venduti dai giapponesi ai... giapponesi!
di Remo Sabatini

La notizia è di quelle che fanno ben sperare. L’Associazione Giapponese Zoo e Acquari (JAZA) ha dichiarato che non acquisterà più delfini derivanti dalla tristemente nota baia di Taiji, in Giappone. La baia, teatro della macabra mattanza dei tursiopi che si svolge da decenni, aveva attirato su di se l’attenzione internazionale dopo l’uscita del film-denuncia, premio Oscar, The Cove. La pellicola, infatti, aveva portato sugli schermi di tutto il mondo, Giappone compreso, la realtà della caccia ai delfini dove, tra la stragrande maggioranza destinata alla macellazione, vengono tuttora scelti individui idonei per entrare a far parte degli spettacoli di delfinari e acquari cui vengono venduti a peso d’oro.

Le stime evidenziano che circa il 40% dei delfini catturati ogni anno a Taiji sono stati acquistati, finora, da delfinari e acquari del Sol Levante che aderiscono alla JAZA. Va da sé che la storica decisione presa dall’associazione si traduce in un colpo durissimo per i pescatori responsabili del “tradizionale” massacro anche in considerazione del fatto che un solo esemplare si poteva riuscire a vendere anche a cifre vicine ai 100.000 dollari.

Una decisione, quella di JAZA, storica, dicevamo. Non del tutto indipendente, però, visto che ha fatto seguito alla notizia che aveva riguardato la più importante associazione mondiale che racchiude zoo e acquari, la WAZA, che si era schierata contro la caccia nella baia di Taiji ed ha imposto la scelta all’ente giapponese.

Milioni di persone in tutto il mondo che, ancora oggi, lottano per la fine della mattanza dei delfini in Giappone, e non solo, possono tirare un piccolo sospiro di sollievo per la vittoria ottenuta. Un sospiro sperato e inaspettato, come quello di un piccolo delfino che sfugge alla mattanza e, di corsa, riprende il largo.


ARTICOLI CORRELATI
Continua la strage dei delfini in Giappone, nella tristemente nota baia di Taiji
Il piccolo delfino albino catturato nella baia giapponese di Taiji nuota in una piccola vasca del Taiji Whale Museum
C’è anche una italiana tra i volontari animalisti arrestati alle isole Faroe mentre prosegue la mattanza dei globicefali
I PIU' LETTI IN AMBIENTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
2
Nonostante le proteste arrivate da tutto il mondo, il cucciolo di giraffa è stato giustiziato
3
Nuova spedizione in Sud Africa del fotografo naturalista Remo Sabatini dedicato al predatore dei mari
4
AMBIENTE Squalo! Squalo!
Con le spiagge della domenica affollate dai bagnanti torna “l'incubo degli squali” tra avvistamenti veri e presunti
5
La affascinante storia di Raffaella Schlegel e dei suoi squali e della sua vita dedicata all'oceano
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]