CRONACA
San Basilio, la sera ore 22 uno sparo apre il mercato della droga
Ogni sera uno sparo avverte che la "merce", ovvero la cocaina è arrivata: una testimonianza dei lettori

“Un forte botto, che ricordava uno scoppio di un cannone, a metà tra un fuoco d’artificio e un colpo a salve di quelli del Gianicolo”. È sabato sera, sono le 22 circa: siamo a San Basilio. La testimonianza, che manteniamo anonima, è arrivata direttamente alla nostra redazione. “Eravamo a cena e qualcuno, a tavola, si è allarmato, abbiamo iniziato a chiederci cosa fosse quel botto”. La risposta è arrivata da due ragazzi di circa 15 anni, “i figli del padrone di casa”, ci spiegano: “Hanno risposto che quel colpo significava che il mercato era aperto, che la merce era arrivata”. La merce, ovvero: “la cocaina”. “Hanno spiegato – continua la segnalazione – che ormai nessuno ci faceva più caso, a quel botto, perché ormai da tempo è così e nonostante qualche retata non cambia mai nulla. Come siamo arrivati a questo punto?”.

L’ultima grande operazione antidroga a San Basilio, risale a fine marzo. Il resoconto dell’operazione dipinge un quartiere ai margini della società, preda del mercato della droga e di chi lo gestisce. “Vedette” agli incroci di ogni strada nel quartiere dello spaccio, in comunicazione tra loro: un sistema pensato per evitare di incrociare le manette delle Forze dell’Ordine, avvertendo dell’arrivo di queste, ma anche per comunicare al pusher di turno la quantità di merce richiesta dai clienti.

Questo sistema di spaccio, per quanto ben collaudato, non ha però retto a lungo ed è stato smantellato dai Carabinieri: 17 in tutto le ordinanze di custodia cautelare eseguite. Le indagini hanno evidenziato l’esistenza di questo sodalizio criminale, un’associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, che ha proliferato anche a causa dell’omertà.


ARTICOLI CORRELATI
Tutti i pusher sono fini in manette con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio in concorso
Kalashnikov, fucili e altre armi sequestrate a Raffaele Mazza, membro di una famiglia calabrese residente al Quartaccio
In una vasta operazione antidroga, sono stati arrestati 10 giovani pusher. Sequestrate centinaia di dosi di cocaina, hashish e marijuana
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Per motivi di gelosia, ha colpito con un fendente al collo la moglie e si è chiuso in casa con i tre figli piccoli
2
Era stato chiuso il 3 novembre scorso, quasi sei mesi fa, riaprono anche le terapie intensive
3
Transitando in lungotevere San Paolo, il militare ha notato due giovani dare un’occhiata all’interno di un’auto lì parcheggiata
4
Il Centro Funzionale Regionale ha emesso un bollettino con fase operativa di attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio
5
La ladra è stata sorpresa dopo aver asportato denaro dalle cassette delle offerte di due chiese del centro storico
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]