CRONACA
Pietro Mennea, la Freccia del Sud: parla la moglie Manuela
Grandi ascolti per la fiction "La Freccia del Sud". Credibili i protagonisti, Michele Riondino e Luca Barbareschi
Pietro Mennea e la moglie Manuela Olivieri

Una vita trascorsa a correre negli stadi più importanti al mondo. Sul petto il Tricolore, che ha onorato con vittorie e primati. Pietro Mennea, la freccia del Sud, è stato un atleta speciale, ha incarnato i valori dello sport in ogni gara disputata. Una leggenda dell’atletica che nasce dai principi di un uomo staordinario. Un esempio raccontato anche dalla Rai, nella fiction a lui dedicata. Ieri sera è andata in onda su Rai Uno la seconda puntata di “Pietro Mennea, la Freccia del Sud”, la fiction che ha raccontato le gesta e la dimensione etica di una persona speciale, sulla pista e nella vita di tutti i giorni.

La moglie di Mennea, l’avv. Manuela Olivieri, è intervenuta ieri in radio a “Roma Ore 10”, la trasmissione di Francesco Vergovich, sui 90.7 di Teleradiopiù. Fra aneddoti e impressioni sulla fiction, la Oliveri ha tratteggiato ogni lato del carattere di Pietro Mennea contribuendo a conoscere uno sportivo che ha fatto epoca per il suo spessore umano e per gli eccezionali traguardi sportivi. 

“Avevo visto la fiction in anteprima – ha esordito Manuela Olivieri – temevo che non venisse messo in scena il carattere di Pietro, ma è stata ben curata sebbene fosse impegnativo condensare 20 anni di carriera in soli due episodi”. Eppure qualcosa nelle puntate manca, quella forza di volontà che ha reso Mennea grande: “Pietro si sacrificava molto di più rispetto a quanto mostrato in tv”.

“Dimenticare Pietro è difficile, aveva una forza particolare – ha proseguito la moglie di Mennea. Sapeva farsi amare da tutti, soprattutto dalle persone comuni anche se aveva amicizie con personalità di spicco. Bisogna contestualizzare quanto fatto da Pietro: era giovane, aveva 20 anni e tutti i fari addosso. Non voleva mostrare il suo lato giocoso alle telecamere. Parlava poco per paura che i media lo fraintendessero, misurava le parole. Poi ha iniziato a studiare, contemporaneamente agli allenamenti, e a tenere corsi: questo gli ha permesso di essere più sicuro e di mostrare ogni lato del suo carattere”.

Sul rapporto fra la fisicità di Mennea e i suoi concorrenti: “Aveva una struttura scheletrica esile, è stato straordinario poiché si è allenato senza aumentare a dismisura la sua massa muscolare. Iniziò la carriera con il peso di 67 kg, quando smise pesava 68.5”.

Muscoli e non solo, di Mennea ha stupito soprattutto la sua forza d’animo: “Sentiva la responsabilità sociale del campione, era un uomo e uno sportivo eticamente pulito”. E riguardo all’alimentazione: “Mangiava tutto, spesso anche tanto, senza però concedersi alcol e caffè. Pietro poteva mangiare quello che voleva, con quello che bruciava”. E in studio scappa un sorriso che esemplifica perfettamente la pacatezza del campione, ‘un testimonial leggendario dello sport’ lo definisce Francesco Vergovich. Poi si torna alla fiction: “La mia storia è stata cambiata nella fiction? Sì, ma senza cambiare il senso degli accadimenti. Ci siamo conoscuti nel 1990, ma il nostro incontro è stato retrodatato”.

I successi accademici, non solo quelli sportivi. Mennea ha vinto e stravinto anche sul piano universitario: quattro le lauree prese dal campione indimenticato: “Due settimane prima della vittoria a Mosca si laureò in scienza politiche – rivela Manuela Olivieri – il 14 Luglio del 1980. Già, quella vittoria a Mosca che “ha dimostrato come Pietro potesse tirare fuori una volontà e delle energie fuori dal comune”. Quella stessa voglia, che come ha ricordato Manuela Olivieri, l’ha reso uno degli sportivi italiani migliori di sempre. Sulla pista e nella vita, Pietro Mennea è stato una leggenda. 


ARTICOLI CORRELATI
Luca Barbareschi:"Aldo Grasso porta male, raccoglie tutte le negatività degli italiani, e così ci fa da parafulmine"
Partirà ad aprile l'iniziativa "La pista di Pietro", in onore del campione Pietro Mennea
Start alle 8.50. Tra i partecipanti anche 100 persone provenienti da Barletta, città d'origine di Mennea
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Ad annunciarlo è la portavoce della comunità cinese a Roma, Lucia King
Data di pubblicazione: 2020-01-27 09:08:49
1
Il killer ha esploso quattro colpi di pistola calibro 7.65, di cui uno alla testa. Così è stato ucciso Kasa Gentian, 43 anni
Data di pubblicazione: 2020-01-26 11:07:17
2
Sono in corso arresti da parte dei Carabinieri della Compagnia di Tivoli
Data di pubblicazione: 2020-01-27 08:22:14
3
"Ricevo, quasi quotidianamente, segnalazioni di situazioni dentro e fuori le scuole di discriminazione e scarsa inclusione"
Data di pubblicazione: 2020-01-26 21:43:33
4
Ad annunciarlo è la portavoce della comunità cinese a Roma, Lucia King
Data di pubblicazione: 2020-01-27 09:08:49
1
L'occasione è quella di celebrare il grande artista a cento anni dalla sua nascita
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:25:04
2
Il 53enne aveva perso il figlio, i parenti erano preoccupati per le sue condizioni psicologiche
Data di pubblicazione: 2020-01-08 10:13:07
3
La polizia indaga sull'incendio che ha portato all'evacuazione di uno stabile in via Atteone
Data di pubblicazione: 2020-01-24 12:29:55
4
Fabrizio Piscitelli è stato ucciso il 7 agosto scorso con un colpo di pistola alla testa su una panchina del parco degli Acquedotti
Data di pubblicazione: 2020-01-12 20:50:32
5
I Carabinieri li hanno inseguiti, bloccati in via Fadda e arrestati. Con loro avevano il perfetto kit da ladri con guanti, corde, torce, cacciaviti, forbici e scaldacollo
Data di pubblicazione: 2020-01-11 16:00:14
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]