INTERVISTE
"Frasi e Fumo", intervista a Nina Zilli sul suo ultimo album [ct3
Nina Zilli ha presentato il suo nuovo album alla Feltrinelli di via Appia

Dopo tre anni da L’amore è femmina, Nina Zilli torna con Frasi e fumo presentato ieri 12 marzo presso la Feltrinelli di via Appia Nuova. Un disco pastoso e ricco, 14 tracce intense che intrecciano mondi e gusti musicali variegati: atmosfera vintage, sound che va dal blues al pop, dallo swing al reggae, dalla musica italiana degli anni ’60-’70 a un filo di elettronica.

Prodotto da Mauro Pagani presso le Officine Meccaniche, il lavoro presenta vivacità di suoni e colori, mondi e strumenti: «Cerco di cambiare e di sperimentare in ogni disco, voglio che ognuno abbia il suo sound; questo è sbocciato man mano, la sfida con Mauro è stata quella di unire le nostre passioni musicali. Lavorare con lui è stato un onore per me: produttore e musicista, artista e persona eccezionale, ha aperto le porte del suo meraviglioso studio ai miei pezzi».

Atmosfere malinconiche ma anche di forza cosciente, fili di nostalgia trapelano da una solitudine positiva, una sorta di capacità di autoanalisi che permette di conoscere se stessi e quindi gli altri: «La solitudine è pericolosa e tragica come ci mostrano ad esempio le storie di Nina Simone, Billie Holiday o Mia Martini , è difficile ma va affrontata, un po’ alla volta, bisogna avere il coraggio di conoscerla e di viverla».

Questo album è un viaggio musicale sostenuto da una voce elegante e avvolgente dal gusto retrò nella sua assoluta attualità; pezzi come #RLL, Cadevo piano, Camminare sospesa e Luna spenta riecheggiano un certo cantautorato italiano, Era lei parla reggae mentre Tra le nuvole e Il divano profuma di soul, di quell'influenza black che pervade la personalità artistica di Nina Zilli.

Anche in merito a questo, in occasione dello showcase abbiamo fatto qualche domanda alla cantante piacentina.

Portare un pezzo come Sola a un Festival come Sanremo è stata un scelta consapevolmente coraggiosa vista la scarsa cultura che c’è in Italia di questo genere musicale. Da cosa credi che derivi questa lacuna?
Credo sia la vita che evolve, Internet è un mezzo di comunicazione potentissimo ma che può avere anche risvolti paradossali: l’eccessiva fruibilità di ogni genere di notizie, l’illimitata informazione fanno degenerare la società verso una totale disinformazione. Allora accade che anche se si può ascoltare di tutto si finisce per ascoltare sempre la solita cosa, anche se si può conoscere tutto ci si interessa sempre a pochi argomenti. Qualcuno ci ha provato in Italia a sviluppare questo genere anche in modo eccellente, basta pensare a Pino Daniele, ma ormai tutto è settorializzato e finiamo per avere sempre i soliti schemi e riferimenti.

La scrittura è il momento nel quale lasci la traccia dell’anima su una pagina mentre il live è l’esplosione dell’universo interiore. Quale tra queste due fasi del tuo lavoro preferisci?
Sono due fasi opposte, quando sono sul palco amo quel momento, il contatto con il pubblico, l’atto liberatorio della performance, altre volte desidero scrivere e comporre, usare un mezzo artistico più intimo. Sono due parti della mia personalità o delle mie tante personalità. Non saprei scegliere, ho bisogno di entrambe, è questo il vantaggio di un cantautore, sono due modi espressivi opposti e complementari ad un tempo.

Come nasce un pezzo, quale è il processo creativo?
Di solito parto dalla melodia, mi metto al pianoforte o alla chitarra e poi le parole vengono da sole. Altre volte, invece, il testo non arriva subito, spesso appunto frasi e idee che nascono magari da ispirazioni improvvise e poi le metto in musica. Non c’è una regola precisa, credo che si possa anche solo suonare o solo scrivere, si può essere solo musicisti o solo scrittori. Si tratta sempre di forme artistiche e l'arte non ha norme assolute.

Grazie Nina.
Grazie a voi!


L'ALBUM. Tracklist: 1. Intro (Cirronembi); 2. Frasi e fumo; 3. Luna spenta; 4. Sola; 5. #RLL (Riprenditi le lacrime); 6. Cadevo piano; 7. Lei dice; 8. Una breve vacanza; 9. Schema libero (feat Neffa); 10. Fra il divano e le nuvole; 11. Se bruciasse la città; 12. Dicembre; 13. Unico re; 14. Dormi, dormi


ARTICOLI CORRELATI
Alla Feltrinelli il cantautore romano presenta il suo nuovo album "Tortuga"
'Il padrone della festa', questo il titolo del nuovo triangolo di cantautori: Daniele Silvestri, Niccolò Fabi, Max Gazzè
Ritorno al rock con "9" presentato alla Feltrinelli di via Appia
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
2
Federica Angeli: "Come fanno gli egiziani a comprare le mura di un negozio? I loro sponsor sono quelli che loro chiamano 'napoletani'"
3
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
4
Intervista alla responsabile dello sponsor dell'iniziativa, Marianna Giovannetti
5
Intervista all'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno ad un anno dall'elezione di Ignazio Marino
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]